LA PASTA FA INGRASSARE? #BTALYSCIENCE

PASTA-ARTICOLO-BTALYSCIENCE

La pasta fa ingrassare?

 

Che i carboidrati non vadano mangiati soprattutto a cena è uno dei miti più radicati e proprio per questo serve fare chiarezza e capire come un alimento di per sè non fa ingrassare. Anzi, questo macronutriente è fondamentale all’organismo e ancor più per chi è attivo, fa sport e si allena in palestra.

La pasta non fa ingrassare, ma è il contesto in cui quel piatto di pasta viene mangiato a stabilire se fa ingrassare o meno.

Infatti, a seconda che tu sia in ipocalorica, normocalorica o ipercalorica il contesto è differente: nel primo caso a prevalere è il catabolismo e quindi i meccanismi di distruzione e consumo energetico, nell’ultimo invece l’anabolismo e l’aumento della crescita dei tessuti (organo adiposo incluso). Se sei in normocalorica invece queste due facce del metabolismo si equivalgono e il peso non varia.

Se mangi troppo (pasta inclusa) e quindi favorisci l’anabolismo, a prescindere dalla qualità del cibo introdotto e dalle scelte alimentari ingrasserai. Così, è possibile dire che la pasta faccia dimagrire a patto di avere un bilancio energetico complessivo negativo.

La pasta è energetica in quanto ricca di amido, apporta circa 4.2 kcal/g, più o meno come il riso anche se questo contiene meno proteine.

Ad ogni modo, quello che rende un piatto di pasta molto più calorico è il condimento, soprattutto quando presenta una fonte grassa (olio, formaggi grassi, burro, ecc). L’aggiunta di una componente lipidica (grassa) o proteica a quella glucidica però non è da escludere, sia per motivi di palatabilità che di abbassamento dell’indice glicemico.

Consiglio quindi di limitare i condimenti abbondanti e troppo lipidici e di preferirne uno più proteico sia per rendere il pasto più appetibile che per renderlo più completo. Esempio: la pasta con sugo di pesce magro e un filo d’olio extravergine di oliva aggiunto dopo la cottura.

 

Conclusioni

 

La pasta non fa ingrassare ma resta un ottimo alimento per ricavare un buon quantitativo di carboidrati, fondamentali all’organismo. Può costituire un pasto completo quando viene aggiunta una componente proteica ed una limitata parte lipidica (come un filo d’olio) insieme ad una porzione di verdure.

Prestate molta attenzione al contesto con cui consumate la pasta o qualsiasi altro alimento: se in generale mangiate porzioni corpose in tutti i pasti della giornata, è questo eccesso a farvi prendere peso e non i carboidrati.

Articolo a cura di Riccardo Negro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *